Login:
Password:

Forgot password? Register

Article

Komunos


Redactor

69


This article was edited by moderator leila jon
Reason: not related to the game

18
Bella Ciao (Fun)
Posted 3 years ago by
Komunos    
Report



Bella ciao è una canzone folklorica cantata dai simpatizzanti del movimento partigiano italiano durante e dopo la seconda guerra mondiale, che combattevano contro le truppe fasciste e naziste. La circolazione di Bella ciao durante la Resistenza è documentata e sembra circoscritta soprattutto in Emilia, fra l'Appennino Bolognese e l'Appennino Modenese, dove si dice che fu scritta da anonimi partigiani.

Il ricercatore bolognese Gianfranco Ginestri ha dichiarato all'Archivio Storico-Musicale del Canzoniere delle Lame di Bologna (con sede nella Biblioteca Comunale delle Lame, in Via Marco Polo 21-13) che il suo amico cantautore politico Ivan della Mea, poco tempo prima di morire, gli disse che aveva scoperto che Bella Ciao probabilmente era nata sull’Appennino Bolognese, dopo la disfatta della Repubblica partigiana di Montefiorino (Modena), quando i partigiani del Comandante Armando si trasferirono verso est, mescolandosi in altre formazioni partigiane locali, tra i paesini di Castelluccio Modenese e Castelluccio Bolognese, entrambi vicini a Gaggio Montano e Corno alle Scale, dove operavano i partigiani di Giustizia e Libertà (col futuro avvocato bolognese Checco Francesco Berti Arnoaldi Veli e col futuro famoso giornalista Enzo Biagi). A Bologna è nata una leggenda metropolitana la quale dice che Enzo Biagi sia stato l’autore delle "dolci parole" di Bella Ciao Partigiana (sull’aria di un canto popolare padano suggeritogli da un anonimo medico partigiano modenese proveniente dalla Repubblica Partigiana di Montefiorino), le quali non sono affatto "dure parole" comuniste: infatti Enzo Biagi non era “comunista”. Ma il suo amico Checco Berti non ha mai confermato questa suddetta leggenda metropolitana.

Al funerale di Enzo Biagi, a Pianaccio Bolognese, quando il feretro uscì dalla chiesa, il coro maschile La Rocca (di Gaggio Montano) cantò Bella Ciao davanti alla bara, prima che fosse portata al minuscolo cimitero locale. (Esiste la prova in un video presso la redazione bolognese di "TV Sette" con sede in Via Arcoveggio 49 a Bologna).

Dopo la Liberazione la versione partigiana di Bella Ciao venne poi cantata e tradotta e diffusa in tutto il mondo grazie alle numerose delegazioni partecipanti al Primo festival mondiale della gioventù democratica che si tenne a Praga nell’estate 1947, dove andarono giovani partigiani emiliani che parteciparono alla rassegna canora “Canzoni Mondiali per la Gioventù e per la Pace”, dove inventarono il tipico ritmico battimano.

Anche gli storici della canzone italiana Antonio Virgilio Savona e Michele Straniero hanno affermato che "Bella Ciao fu poco cantata durante la guerra partigiana, e venne diffusa nell'immediato dopoguerra. La sua popolarità ebbe inizio nell'estate 1947, a Praga, al Primo Festival Mondiale della Gioventù, dove fu eseguita, e tradotta in tutte le lingue del mondo, con tipico battimani, da un gruppo di giovani partigiani italiani. E ancora oggi è cantata in tutto il mondo.

La musica, di autore sconosciuto, è stata fatta risalire, in anni passati, alla melodia di un canto delle mondine padane. Si trattava in realtà di un falso storico, come definitivamente dimostrato da Cesare Bermanila Bella ciao delle mondine era stata composta dopo la guerra dal mondino Vasco Scansani di Gualtieri, mentre la Bella ciao partigiana riprendeva nella parte testuale la struttura del canto Fior di tomba, mentre sia musicalmente che nella struttura dell'iterazione (il "ciao" ripetuto) derivava da un canto infantile diffuso in tutto il nord, La me nòna l'è vecchierella (già rilevato da Roberto Leydi). Un'altra possibile influenza può essere stata quella di una ballata francese del Cinquecento, che seppur mutata leggermente ad ogni passaggio geografico, sarebbe stata assorbita dapprima nella tradizione piemontese con il titolo di La daré d'côla môntagna, poi in quella trentina con il titolo di Il fiore di Teresina, poi in quella veneta con il titolo Stamattina mi sono alzata, successivamente nei canti delle mondariso e infine in quelli dei partigiani.


« Una mattina mi son svegliato,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
Una mattina mi son svegliato
e ho trovato l'invasor.

O partigiano, portami via,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
O partigiano, portami via,
ché mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E se io muoio da partigiano,
tu mi devi seppellir.

Mi seppellirai [Mi porterai / E seppellire] lassù in [sulla] montagna,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E seppellire [Mi seppellirai / Mi porterai] lassù in [sulla] montagna
[sotto l'ombra] all'ombra di un bel fior.

E [Tutte] le genti che passeranno
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E [Tutte] le genti che passeranno
Ti diranno «Che bel fior!»

«È questo il fiore del partigiano»,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
«È questo il fiore del partigiano
morto per la libertà!» »





Previous article:
Devrimci Yazarlar ve Şairler (Türk) 3 (3 years ago)

Next article:
Warszawianka 1905 (3 years ago)


Comments (8)
17-12-2015 7:10:37
(3 years ago)


No guarda, hai sbagliato gente :v

15-12-2015 17:12:30
(3 years ago)


forse la suonavo col flauto...

14-12-2015 23:58:54
(3 years ago)


Sono fiero di poter dire che in Italia, almeno qui, non ci sono partiti comunisti.
Bella ragazzi

14-12-2015 20:19:29
(3 years ago)


Tentativo di portare il comunismo in e-Italia: FALLITO

14-12-2015 18:29:41
(3 years ago)


ahahahaha grande
v+s

14-12-2015 18:14:16
(3 years ago)


ma che ... con il gioco

14-12-2015 17:24:05
(3 years ago)


hahahaahaha

14-12-2015 16:48:53
(3 years ago)


Ma cos...



New comment
Message:

Characters remaining:

1000


forum | Laws | Privacy policy | Staff | Wikia | Primera | Secura | Suna | Alpha | Omega | agar new modes play new modes
Play on